News


SEGNALETICA SENTENZA SHOCK AGLI UTENTI L'OMICIDIO STRADALE AI COLLETTI BIANCHI L'IMPUNITA'

Cari BiciRomani questa sentenza della Cassazione è uno dei tanti tasselli che rende il nostro Paese un Paese sempre più incivile (volgarmente di m....).
Dovremmo scendere in piazza per sentenze come queste che invece lasciamo correre come se niente fosse foinchè non ci troveremo a farci i conti direttamente o indirettamente per noi stessi o per i nostri familiari o per qualche nostro amico o conoscente che si vedrà negato ogni diritto a causa di queste decisioni dei "supremi giudici" che sembrano sempre più parte di un'oligarchia, di una casta che non si pesta i piedi tra di loro ma che vede nel cittadini/suddito e nel suo spolpamento e spogliamento di ogni diritto la ragione del loro essere e del mantenimento della loro opulenza.
Comparare la situazione dell'utente al quale se provoca un incidente a causa della propria negligenza viene appioppato l'omicidio stradale con relative conseguenze civili e penali con chi è delegato e pagato per manutenere le strade e che se a causa della sua negligenza avviene un incidente e ci morite sopra a questi che non ha provveduto a fare il proprio lavoro non succede nulla......equo no?

Leggete la sentenza:

Civile

La mancanza di segnaletica non è un’insidia per la circolazione stradale

Nel caso in cui il conducente che sarebbe stato favorito della segnaletica che assume mancante ritenga di avere diritto alla precedenza non si verifica una situazione di insidia, in quanto la circolazione stradale può avvenire senza inconvenienti anche in mancanza di segnale, essendo sufficienti e idonee a regolarla le norme del codice della strada, e non è - perciò - possibile affermare su questa base la responsabilità della detta amministrazione per i danni conseguenti alla collisione. LLa P.A., proprietaria della strada, ha un ampio potere discrezionale nella scelta dei luoghi dove apporre i segnali di pericolo, che trova un limite soltanto nel caso in cui si verifichi un’ipotesi di insidia o trabocchetto, caratterizzata dalla non visibilità del pericolo. Questa Corte ha avuto modo di precisare che, “nel caso in cui il conducente che sarebbe stato favorito dalla segnaletica che si assume mancante ritenga di aver diritto alla precedenza, non si verifica una situazione di insidia, in quanto la circolazione stradale può avvenire senza inconvenienti anche in mancanza del segnale, essendo sufficienti e idonee a regolarla le norme del codice della strada, e non è, perciò, possibile affermare su questa base la responsabilità della detta amministrazione per i danni conseguenti alla collisione” (Corte di Cassazione, Sezione III, Sentenza n. 2074 del 13/02/2002).

Nel caso di specie non è dimostrato il nesso di causalità tra la mancanza della segnaletica orizzontale o verticale e il sinistro stradale, non potendosi affermare che gli utenti della strada non avrebbero potuto regolare la propria condotta di guida conformemente alla situazione di pericolo esistente, non essendo in grado di discernere tempestivamente il segnale o il cartello valido.

Non ricorrendo una situazione di contrasto tra le condizioni di transitabilità e quelle apparenti, non percepibili dall’utente della strada con l’uso della normale diligenza (Corte di Cassazione, Sezione III, 22 ottobre 2013 n. 23919) il motivo non può trovare accoglimento.

E’ quanto ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione III Civile, con la sentenza del 19 gennaio 2017, n. 1289, mediante la quale ha rigettato il ricorso e confermato quanto già deciso dalla corte d’appello di Roma con la sentenza n. 539/2014.

 La vicenda

La pronuncia traeva origine dal FATTO che il Tribunale di Roma, con sentenza del 2007, affermava la responsabilità concorrente e paritaria di CAIO, conducente dell’autovettura Honda e di TIZIO, successivamente deceduto, conducente del motociclo Yamaha, in relazione all’incidente stradale verificatosi nel 2003 in Roma.

 Nell’occasione il motociclo era entrato in collisione con l’autovettura in corrispondenza di una intersezione. Il primo giudice escludeva l’incidenza causale della mancanza di segnaletica stradale orizzontale e verticale, in ordine al sinistro in oggetto, che determinerebbe, secondo la tesi degli attori, la responsabilità del Comune di Roma.

Conseguentemente il Tribunale disponeva il risarcimento dei danni in favore dei congiunti del deceduto, nella misura del 50%.

 Avverso tale sentenza proponevano appello il padre, il fratello e la madre del defunto TIZIO che la Corte d’appello di Roma decideva, con sentenza del gennaio 2014, rigettando ogni azione.

 Avverso la sentenza della Corte di merito gli appellanti propongono ricorso per Cassazione sulla base di cinque motivi.

I motivi di ricorso

Per quanto è qui di interesse, i ricorrenti con il quarto motivo lamentano violazione o falsa applicazione dell’articolo 106 del regolamento di esecuzione del Codice della Strada, in relazione all’articolo 2043 del codice civile e conseguente nullità della sentenza per inadeguatezza della motivazione, nella parte in cui la Corte ha escluso la responsabilità del Comune di Roma Capitale per non avere apposto la segnaletica orizzontale e verticale su una delle strade che confluivano verso il punto ove avveniva l’impatto e precisamente quella percorsa dalla motociclista deceduto.

Sostengono i ricorrenti che ove fosse stata collocata tempestivamente la segnaletica, il sinistro non si sarebbe verificato, mentre, al contrario, la mancata apposizione della segnaletica ha creato una situazione di contrasto tra le condizioni di transitabilità reali e quelle apparenti, non percepibili dal  con l’uso della normale diligenza.

 La decisione

La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi, mediante la citata sentenza n. 1289/2017 ha ritenuto infondati i motivi ed ha rigettato il ricorso.

Il motivo è infondato poiché la questione è stata specificamente presa in esame dalla Corte territoriale, rilevando che “la pubblica amministrazione ha un ampio potere discrezionale nella scelta dei luoghi dove apporre i segnali di pericolo, che trova un limite soltanto nel caso in cui si verifichi un’ipotesi di insidia o trabocchetto, caratterizzata dalla non visibilità del pericolo”. ..........




Pubblicato il 22/02/2017 09:30 da fausto in News





Commenti



Per lasciare un commento fai il login o registrati

Ultime News

13/06/2019 17:07

VENERDI 14 RIPRENDONO LE SERALI E DOMENICA 16 STAND P POPOLO

Prossimi appuntamenti BiciRoma:Venerdì 14 ripresa delel serali ore 20.30 ai...

fausto in News

08/06/2019 18:47

DOMENICA 9 GIUGNO STAND BICIROMA A P POPOLO

Domenica 9 Giugno stand BiciRoma a Piazza del Popolo dalle...

fausto in News

18/05/2019 19:28

DOMENICA 19 ANNULLATA ANCHE CICLOPASSEGGIATA A ROMA

Viste previsioni meteo che danno pioggia annulliamo anche l uscita...

fausto in News


Ultimi Commenti

19/06/2018 11:45
Fausto buongiorno, mi sono appena iscritta all'uscita di domenica prossima....

spigaccia in DOMENICA 24 GIUGNO CICLOESCURSIONE ASSISI SPOLETO

31/05/2018 19:06
tutto da decidere ma resteremo a Roma alla prossima e...

fausto in DOMENICA 3 GIUGNO STAND BICIROMA A PONTE MILVIO

31/05/2018 13:07
Non sarò a Roma domenica prossima, che peccato! Che giro...

spigaccia in DOMENICA 3 GIUGNO STAND BICIROMA A PONTE MILVIO

20/05/2018 14:42
Cara BiciRoma è ora di farci sentire in comune. Questa...

FEILSN52E21H501O in BANCHINA TEVERE DOPO UN MESE ANCORA NEL FANGO

16/05/2018 09:20
Venticinque per tornare a Roma ma se si può fare...

fausto in DOMENICA 27 TORNA LA CASTEL GANDOLFO ROMA SU APPIA ANTICA

Archivio Post

Giugno 2019
Maggio 2019
Aprile 2019
Marzo 2019
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Dicembre 2018
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Gennaio 2004
Settembre 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003
Aprile 2003
Marzo 2003
Dicembre 2002
Novembre 2002
Ottobre 2002
Gennaio 2002