News


BICIPOLITICI CANDIDATO GOVERNATORE REGIONE LAZIO NICOLA ZINGARETTI

image

1. Se venisse eletto quali sono i primi obiettivi che intende perseguire?

 Stiamo ancora attraversando una crisi che consuma imprese e posti di lavoro. Uno scenario di grande difficoltà per tutti, in cui la società e l’economia del Lazio sono state lasciate sole. La Regione Lazio ha completamente disatteso il suo ruolo di indirizzo e sostegno dei percorsi di sviluppo, smarrito la sua funzione legislativa e di programmazione. In tutto questo, è piombato uno scandalo senza precedenti sull’uso delle risorse regionali. C’è quindi allo stesso tempo un’emergenza economica, sociale e democratica. Per uscirne, serve un cambiamento radicale. Che non può che iniziare dalla politica: noi proponiamo un rinnovamento totale della rappresentanza e nuove regole per eliminare ogni spreco, ogni privilegio, ogni ombra sul modo in cui vengono amministrate le risorse pubbliche.

2. Nel 2012 il Lazio ha confermato una presenza costante di polveri sottili e troppi gli episodi di superamento dei limiti di legge quali potrebbero essere le soluzioni al problema?

Qualità della vita delle persone, qualità dell’aria che respiriamo, qualità dell’ambiente in cui viviamo sono tutti gli indicatori che ci descrivono il Lazio come una regione distante da qualunque modello di sostenibilità. Il ciclo dei rifiuti è lontano dal suo completamento e il livello della raccolta differenziata è tra i più bassi d’Italia (16,5% contro la media nazionale del 35,3%). La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è ferma a meno di un decimo del totale. Il consumo di suolo (al 10,3% contro il 6,7% della media italiana) produce diseconomie territoriali a danno della competitività delle imprese e della qualità della vita dei cittadini. Abbiamo il tasso di automobile per abitante più alto fra le regioni italiane: l’urgenza di ricostruire un trasporto pubblico regionale di qualità sta innanzitutto in questo dato. In questi ultimi anni il trasporto pubblico è stato affrontato guardando più alle “scatole societarie” che alla qualità dei servizi per cittadini e pendolari. Noi, al contrario vogliamo partire da una proposta politica credibile e coerente. Il primo obbiettivo è ridurre l’uso delle automobili, quindi l’unica strada è rilanciare il trasporto pubblico. Vogliamo puntare innanzitutto sul rilancio del trasporto sul ferro: puntiamo allo stanziamento di 70 milioni di euro per l’acquisto di nuovi treni e nuovi vagoni sulle ferrovie regionali, con un aumento di capienza di 100mila passeggeri al giorno. Insieme, dobbiamo prevedere una serie di altre misure per costruire un sistema della mobilità sostenibile, come il potenziamento delle corsie preferenziali e delle piste ciclabili, interventi di limitazione della mobilità privata, misure per lo sviluppo del car e del bike sharing, l’incentivo alla pedonalizzazione dei centri urbani.

3. Quale è il ruolo che intende dare alla mobilità ciclistica nel suo programma e come intende svilupparla?

Una premessa: il primo punto da affrontare è quello della sicurezza. Non è possibile che chi usa la bicicletta rischi la propria incolumità o addirittura la vita sulle nostre strade. Se a Berlino si gira tranquilli in bici è perché c’è una cultura, ci sono regole ferree e infrastrutture per la ciclabilità. Ed è esattamente quello che ci serve nel Lazio. Noi vogliamo valorizzare l’uso della bicicletta sia come alternativa al traffico in ambiti urbani, sia come mezzo per la scoperta delle bellezze del Lazio e per attività sportive. L’azione della Regione partirà dalla definizione del Piano regionale della mobilità sostenibile e della logistica, mediante una conferenza di programma che, entro 120 giorni dall’insediamento al governo regionale, proponga ai soggetti istituzionali e ai soggetti economici una piattaforma articolata di pianificazione. In questo quadro, un ruolo importante rivestirà la promozione e il sostegno alla mobilità ciclabile, lavorando per la sua diffusione sia in ambito urbano (come reale alternativa all’utilizzo dell’auto o come integrazione ai servizi di trasporto collettivo) che in ambito extraurbano (come strumento di valorizzazione – in ottica di turismo sostenibile – del patrimonio naturale e culturale del Lazio). Sarà quindi redatto un Masterplan regionale della Ciclabilità, che, in sinergia con il Piano regionale della mobilità sostenibile e della logistica, sia in grado di garantire la necessaria compatibilità tra i piani della ciclabilità promossi da Province e Comuni. In particolare, con i Comuni capoluogo dovremo pianificare interventi per la ciclabilità urbana, per quanto riguarda le piste ciclabili, le misure per la sicurezza (Zone 30) e le attività di promozione dell’uso della bicicletta (a partire dal bike sharing).

4. L’intermodalità a livello regionale ed interregionale assume un’importanza fondamentale per lo sviluppo della mobilità; come pensa di adeguare l’offerta del Lazio a quella di altre Regione e di altri Paesi?

R. Entro tre mesi lanceremo il nuovo Piano della Mobilità Sostenibile, che avrà al centro la riorganizzazione del trasporto pubblico. La rete su gomma dovrà essere integrata – dal punto di vista delle corse e degli orari – con quella su ferro. Dovremo potenziare i nuovi servizi di infomobilità oggi praticamente inutilizzato. Ma la vera rivoluzione sarà quella dei nodi di scambio: dai parcheggi, alla riqualificazione delle stazioni con forme di project financing. In questo ambito, realizzeremo quattro hub della mobilità sostenibile: stazioni pienamente integrate con il trasporto pubblico, dotate di Car sharing e Bike sharing.

5. Il Lazio ha una lunga costa che andrebbe valorizzata da un punto di vista turistico. La Litoranea e l’Aurelia sono importanti dorsali stradali alle quale andrebbe affiancato un percorso ciclistico adeguato, che ne pensa?

R.   Non c’è dubbio che il turismo legato alla bicicletta va messo tra i grandi obiettivi della Regione. Dobbiamo lavorare alla costituzione e alla  promozione, anche attraverso l’utilizzo dei fondi europei, di itinerari e percorsi inseriti nelle reti ciclabili italiane (Bi Italia) ed europee (Eurovelo) e di valore culturale e turistico (per esempio all’interno dei parchi e delle aree archeologiche). Di sicuro il litorale del Lazio può entrare a far parte di questo progetto. I 350 chilometri delle coste lungo il mare del Lazio sono ricchi di luoghi straordinari, di natura e borghi, di città e isole. Una grande risorsa per la nostra regione, per la quale servono una politica organica e progetti concreti, che coinvolgano i Comuni del litorale, le imprese e le associazioni verso un nuovo modello di sviluppo sostenibile per “portare il Lazio al centro del Mediterraneo”, migliorare la qualità della vita dei cittadini e l’ambiente, rendere il litorale più attraente per i turisti. In questo senso, uno strumento importantissimo che intendiamo adottare è quello della Gestione Integrata della Costa, previsto nell’ambito del Piano d’Azione per il Mediterraneo dell’Unep. È arrivato il momento di predisporre e approvare un Testo Unico per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile, turistico e ambientale del litorale del Lazio, che assorba tra le altre le norme della Legge Regionale n. 1/2001, mettendole a sistema con una visione più generale e ampia, coordinata e organica di tutte le misure necessarie per risanare, proteggere e riqualificare la costa del Lazio, nonché per ricucire il rapporto tra il litorale e il suo immediato entroterra in una logica di sviluppo integrato.

6. La Regione Lazio è dotata di numerosi Parchi, numerosi centri storici, vaste aree di interesse enogastronomico. Come pensa di promuovere l’attività cicloturistica?

R.    La conservazione e la valorizzazione delle risorse naturali, dunque della biodiversità, non può essere perseguita tutelando solo parti circoscritte di territorio (parchi, riserve naturali, siti di importanza comunitaria o Zone di Protezione Speciale). È necessario che tutto il territorio sia gestito in modo oculato, assumendo il sistema ambientale come “principio ordinatore” tanto delle aree naturali e seminaturali quanto degli ambiti insediativi e infrastrutturali. In questo progetto serve anche la capacità di innovare nella fruizione dei beni naturali. E la bicicletta, in questo senso, è un mezzo davvero straordinario. Nel piano per la ciclabilità dovremo non solo creare infrastrutture e percorsi dentro le aree naturali, ma anche mettere queste in rete tra loro attraverso percorsi ciclabili. Pensiamo solo a quanto si può fare nei parchi di Roma, oggi praticamente tutti scollegati l’uno dall’altro.

7. Vista l’attuale situazione  economica, intende incentivare l’acquisto da parte dei privati di bici e veicoli elettrici? E la Sua Regione si doterà di questi mezzi?

La diffusione di nuove forme e nuovi mezzi per la mobilità certamente fa parte del nostro progetto per il Lazio. Noi vogliamo incentivare, di concerto con il Ministero dell’Ambiente e con i principali operatori elettrici, una progressiva diffusione dei veicoli elettrici, anche attraverso la programmazione di un’infrastruttura di ricarica che, partendo dalle città, possa poi estendersi agli snodi chiave del territorio regionale.

8. Perché la Regione Lazio non diviene una Regione virtuosa facendo abbandonare il gasolio agli autobus Regionali per passare al metano?

R.  Vogliamo il rispetto del principio “chi inquina paga”, in modo tale che anche i sistemi di trasporto collettivi e a basso impatto ambientale possano essere maggiormente diffusi e potenziati. Tra le linee guida sulle quali intendiamo concentrarci per lo sviluppo del sistema delle reti e dei servizi di mobilità c’è sicuramente l’efficienza dei sistemi di trasporto pubblico e il sostegno a una loro riconversione a basso impatto ambientale.

Pubblicato il 23/02/2013 15:51 da fausto in Archivio News





Commenti



Per lasciare un commento fai il login o registrati

Ultime News

18/12/2020 23:06

BICIROMA A P POPOLO DOMENICA 20

Domenica 20 per i tesserati BiciRoma appuntamento alle ore 945...

fausto in News

27/11/2020 12:12

DOMENICA 29 APPUNTAMENTO BICIROMA A PIAZZA DEL POPOLO

Domenica 29/11 nuovo appunatmento per i tesserati BiciRoma a Piazza...

fausto in News

20/11/2020 17:10

BICIROMA A VILLA PAMPHILI DOMENICA 22

Domenica viste temperature più basse appuntamento per i tesserati BiciRoma...

fausto in News


Ultimi Commenti

19/06/2018 11:45
Fausto buongiorno, mi sono appena iscritta all'uscita di domenica prossima....

spigaccia in DOMENICA 24 GIUGNO CICLOESCURSIONE ASSISI SPOLETO

31/05/2018 19:06
tutto da decidere ma resteremo a Roma alla prossima e...

fausto in DOMENICA 3 GIUGNO STAND BICIROMA A PONTE MILVIO

31/05/2018 13:07
Non sarò a Roma domenica prossima, che peccato! Che giro...

spigaccia in DOMENICA 3 GIUGNO STAND BICIROMA A PONTE MILVIO

20/05/2018 14:42
Cara BiciRoma è ora di farci sentire in comune. Questa...

FEILSN52E21H501O in BANCHINA TEVERE DOPO UN MESE ANCORA NEL FANGO

16/05/2018 09:20
Venticinque per tornare a Roma ma se si può fare...

fausto in DOMENICA 27 TORNA LA CASTEL GANDOLFO ROMA SU APPIA ANTICA

Archivio Post

Dicembre 2020
Novembre 2020
Ottobre 2020
Settembre 2020
Giugno 2020
Marzo 2020
Febbraio 2020
Gennaio 2020
Dicembre 2019
Ottobre 2019
Settembre 2019
Luglio 2019
Giugno 2019
Maggio 2019
Aprile 2019
Marzo 2019
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Dicembre 2018
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Gennaio 2004
Settembre 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003
Aprile 2003
Marzo 2003
Dicembre 2002
Novembre 2002
Ottobre 2002
Gennaio 2002